Noi crediamo nel valore della differenza, che è una risorsa, non un impedimento o un pretesto per conflitti e divisioni.
Noi sappiamo che non basta mettere assieme persone differenti per avviare dinamiche positive.
Noi vogliamo costruire le condizioni perché questo possa avvenire

Noi crediamo nella libertà.
Noi sappiamo che la libertà che pretendi deve essere pari a quella che sei disposto a dare.
Noi vogliamo sperimentare pratiche che aumentano la libertà dei singoli in un contesto di aumentata libertà collettiva.

Noi crediamo nella capacità degli esseri umani di stare e lavorare assieme senza la necessità che ci sia una struttura verticale di comando.
Noi sappiamo che delle forme di regolamentazione dei rapporti siano funzionali allo stare e lavorare assieme.
Noi vogliamo fare in modo che queste forme siano il più possibile orizzontali e autoregolate.

Noi crediamo che le uniche regole buone siano quelle che non è necessario scrivere.
Noi sappiamo che spesso avere delle regole aiuta a dirimere i conflitti, ma non ne rimuove le cause.
Noi vogliamo darci solo regole nelle quali ci riconosciamo, che servano a dare una forma ad un’idea condivisa di valori.

Noi crediamo che il lavoro sia un’espressione del proprio essere.
Noi sappiamo che non è facile, non è scontato e spesso è necessario scendere a compromessi coi propri desideri.
Noi vogliamo accogliere, supportare, promuovere persone, gruppi, organizzazioni che si riconoscono in questa idea.

Noi crediamo che ogni azione lavorativa di un individuo sia e non possa non essere un atto di responsabilità personale.
Noi sappiamo che il bisogno di lavorare spesso porta le persone a dover agire travalicando i limiti della propria coscienza.
Noi vogliamo fare in modo che chiunque, indipendentemente dalla propria esperienza, posizione o scolarizzazione possa avere una possibilità di scelta.

Noi crediamo nella libera circolazione dei saperi.
Noi sappiamo che acquisire questi saperi costa tempo, fatica e sacrifici e che questi saperi hanno un valore.
Noi vogliamo che questo valore venga ripagato con la stessa moneta, sapere in cambio di sapere, attraverso uno scambio professionale continuo e fattivo e diretto tra individui.
Noi crediamo che chi propone un’idea si debba assumere l’onere di metterla in pratica.
Noi sappiamo che è difficile possedere tute le competenze necessarie per sviluppare autonomamente un’idea.
Noi vogliamo creare le condizioni perché chi ha un’idea possa trovare attorno a sé le risorse per metterla in pratica

Noi crediamo nella flessibilità personale e professionale.
Noi sappiamo che flessibilità e precarietà sono parenti stretti.
Noi vogliamo creare le condizioni perchè la flessibilità sia organica a un progetto personale di sviluppo professionale.